Progetto Passeggeri

Guardiamo la Germania, guardiamo la Francia, guardiamo l’Inghilterra, guardiamo l’Olanda o il Belgio e così via.
E poi guardiamo l’Italia.
Non possiamo non constatare in modo oggettivo un divario abissale tra i livelli di servizio passeggeri offerti tra questi paesi ed il nostro.
Treni obsoleti, perennemente in ritardo, frequenze ridotte di anno in anno senza nessun rinnovo del parco rotabili.
Il sistema, nonostante i miliardi di euro pubblici erogati, va sempre più verso il declino.
Al posto di considerare la ferrovia quale futuro della mobilità, si fa di tutto per farla divenire un passato di cui scordarsi quanto prima.
Guardando i treni che oggi circolano sulla rete italiana ci vengono più alla mente film o situazioni degli anni ’80 che sentirsi proiettati nel futuro come può accadere pensando ad altri Paesi.
Il divario tra il nord ed il sud è poi sempre più abissale.
Non solo perché vengono sistematicamente tagliati tutti i collegamenti a medio e lungo raggio, ma anche perché il materiale rotabile più nuovo viene destinato in zone specifiche del Paese.
Il quadro è tutt’altro che confortante.
La nostra azienda ha una convinzione, ovvero che la ferrovia sia nel settore delle merci che della mobilità delle persone giocherà un ruolo essenziale nello sviluppo sostenibile in Italia.
L’offerta latita, gli stranieri sono restii ad investire in paese “difficile” come il nostro.
In questo contesto, in prossimo futuro non troppo lontano, la nostra azienda entrerà nel settore del trasporto dei passeggeri.
Cosa aspettiamo?
Semplicemente che cambi il clima, ovvero che un’iniziativa di questo tipo trovi terreno fertile e pochi ostacoli!

I commenti dei lettori di questa pagina web ed i suggerimenti sono assolutamente i benvenuti.